HOME PAGE - PARROCCHIA SANT'ANDREA APOSTOLO

Sant'Andrea Apostolo

Benvenuti nel Sito della Parrocchia

LITURGIA DEL GIORNO LITURGIA DELLE ORE
Parrocchia S. Andrea Ap.
Menu, Parrocchia Sant' Andrea Apostolo, SMCV
Vai ai contenuti
 
Parrocchia S. Andrea Apostolo
 
Via Cavalieri di Vitt. Veneto N. 42
 
Te. 3319872191-www.andreolani.it
 
81055 SANTA MARIA CAPUA VETERE
 
 
Alle ragazze e ai ragazzi
 
della nostra comunità parrocchiale
 
 
        Carissimi ragazzi/e,
 
poiché dobbiamo continuare a camminare con il CORONA VIRUS e i Sacramenti non bisogna rimandarli, riteniamo opportuno iniziare il cammino di preparazione per ricevere il Sacramento della Cresima.
 
Perciò invitiamo tutti coloro che frequentano la Va elementare e classi superiori a fare questo passo decisivo del nostro cammino di fede.
 
Per effettuare l’iscrizione  ritirare il Modulo in chiesa nei giorni di venerdì dalle ore 18,45 alle ore 19,45 e sabato dalle  ore 16,00 alle ore 17,30.
 
Il ritiro del modulo dev’essere effettuato esclusivamente dall’interessata/o e consegnato in chiesa il giorno 12 Febbraio alle ore 19,00.
 
La Vergine Maria ci accompagni.
 
Santa Maria Capua Vetere 14/02/2022
 
 
Il Parroco e i Catechisti
 
Leonardo Del Vecchio attualmente é l’uomo più ricco d’Italia.
 Lo è adesso, decine di miliardi (non milioni) di euro di patrimonio personale, ma quando nacque a Milano non era così.
 È partito praticamente da zero. Era figlio di un fruttivendolo proveniente da Barletta che ebbe la malaugurata idea di andare al Creatore prima che lui nascesse, lasciando la famiglia praticamente in povertà assoluta.
 La madre, presa dalle necessità, prima gli da il nome del padre morto e poi lo affida al famoso orfanotrofio milanese Martinitt. Un rifugio per i poverissimi, gli ultimi...
 Cresce negli stenti e dalla parte sbagliata della vita, però non si piange addosso, fa esperienza ed impara veloce.
 A 15 anni viene assunto a Milano come garzone in una ditta di medaglie e coppe, ma lo notano subito e gli consigliano di studiare: la sera ovviamente perché doveva portare innanzitutto il pane a casa.
 Lui lo fa con determinazione e ferrea volontà finché a 22 anni non si trasferisce in Trentino, prima come operaio, poi come proprietario di una ditta di minuterie metalliche per occhiali.
 Ma è solo l’anno successivo, nel 1958, nel piccolo centro di Agordo nel Veneto, che trova finalmente la sua “casa” definitiva.
 Da lì è tutta un’ascesa verso la nascita della Luxottica e la creazione di un impero che conta 150.000 dipendenti in tutto il mondo.
 Adesso è proprietario di marchi americani mitici come Ray-Ban, Oakley. Marchi italiani storici come Persol e titolare di tanti altri marchi prestigiosi in licenza (D&G, Prada, Bulgari, ecc...). La sua azienda è quotata allo Stock Exchange di New York oltre che a Piazza Affari a Milano.
 Ma non ha dimenticato da dove viene, la miseria e la fatica per arrivare lassù in cima. E nei momenti difficili della vita lui si immedesima negli ultimi, perché nessuno debba essere lasciato indietro, perché ognuno è importante, ognuno può avere le potenzialità per trasformarsi in una storia di successo celata, solo temporaneamente, dalle difficoltà del momento.
 Lui lo sa...
 Ci è passato, ha combattuto e vinto e adesso vuole dare una mano.
  nessuno abbia decurtazioni di stipendio, e di donare un bonus di €500 (netti, non lordi) per chi sta ancora lavorando in Italia.
 Ma la cosa più straordinaria è che questo grandissimo esborso sarà ripianato con una decurtazione del 50% dello stipendio di tutti i dirigenti, compreso lui...
 Perché nei momenti duri della vita sono i più fortunati che devono fermarsi, voltarsi indietro ed allungare un braccio, porgere una mano a chi ne ha più bisogno.
 Un Imprenditore italiano “solidale”, come amo definire, che guarda alla globalità della sua azienda, dove ognuno è importante, dal singolo operaio che lavora alla catena di montaggio, su, su... fino a salire al vertice della scala gerarchica, al CEO.
 Perché non è detto che si debba fare impresa asservendola esclusivamente al Dio Profitto, ma è moralmente “cosa buona e giusta” modellarla anche alla meravigliosa Dea Giustizia Sociale. Perché non è detto che un “Martinitt” non possa diventare l’uomo più ricco d’Italia ed il 50mo al mondo, se messo nelle condizioni di diventarlo.
 Un imprenditore ”etico” stile Olivetti, per intenderci...
 Solo per farvi capire il personaggio... lui è sempre così...
 Alle cene aziendali di Natale organizza delle feste separate: una per gli operai degli stabilimenti di Serico ed Agordo e un’altra per i manager di Milano. Quelle destinate agli operai sono NETTAMENTE più fastose di quelle per i Manager.
 Pensate che ha costruito appositamente il PalaLuxottica per contenerli tutti, le cene sono preparate da Chef prestigiosi e noti come Oldani e cantano personaggi come Robbie Williams...
 Quelle di Milano sono “solo” organizzate allo spazio Armani in Via Manzoni in centro.
 Lo si vede spesso al bar del paese con i vecchi amici di un tempo oppure a prendere un caffè negli stabilimenti con gli operai, i magazzinieri, gli autisti. Come se fosse uno di loro.
 Perché lui È uno di loro, perché non ha dimenticato le sue umili origini, e questo lo fa un vero gigante; imprenditoriale, ma soprattutto umano...
 Insomma, un italiano per il quale essere “Proud of Italy”...
 Se alla ripartenza da questo incubo non capiremo che i Media dovranno parlare più di questi italiani piuttosto che dei vari Tronisti, Uomini e Donne, calciatori, veline, la D’Urso, Grandi Fratelli, Pupe e secchioni vari, avremo perso una grande occasione tutti. Avremmo perso due volte: perché oltre ad aver perso tantissimo della nostra vita in questa quarantena, avremmo perso anche la conseguente lezione....
(Pubblicato da Piera Calderoni il 15 gennaio 2022 nel giornale delle buone notizie)
1
“Sono donne che vivono
in equilibrio anche capovolte,
piangono di nascosto per non ammettere
d’esser stanche morte,
passano i sabati mattina in pigiama a pulire,
sono le donne che non sentirete mai inifierire.

2
Sono quelle che dopo dieci ore di lavoro
vanno a far la spesa per preparar la cena.
Studiano con i figli, allevano cani e conigli.
Sono le donne che dicono di non aver paura
per non destar preoccupazione,
quelle che rinunciano a tutto
per essere a casa ogni sera come una vocazione.

3
Sono donne da corse al pronto soccorso in piena notte,
che guidano con la nebbia,
non chiedono abbuoni o raccomandazioni.
Sono le donne sole alle stazioni.
Quelle che nascondono i soldi
nelle scatole di latta per i giorni fragili,
che raccontano commosse del loro mondo azzurro
perché sempre sperano in un futuro di burro.

4
Le donne che risparmiano i trenta euro
per la tinta dei capelli a fine mese
e un compromesso sereno innanzi alle offese.
Sono le donne del bicchiere mezzo pieno,
quelle che chiudono casa quando tutti dormono
e stendono i panni ad ogni ora della notte e del giorno.
   
5
Sono le donne che corrono perché perennemente in ritardo,
ma sempre presenti ad ogni traguardo.
Sono quelle forti dai mille consigli,
le stesse che quando escono con le amiche
si sentono in colpa coi figli.
Sono le donne dai magoni amari digeriti con cura,
affinché la vita possa sempre sembrarvi un’avventura.

6
Quando la sera varcate la soglia di casa,
non fate mancare loro un bacio d’amore.
Un abbraccio rotondo.
Un sorriso anche se stanco.
Regalate a loro una carezza
mentre nel buio della notte fingono di dormire.
Se stanno sveglie,
è per raccogliere i sogni che troverete
nelle scodelle della prima colazione
e sentirvi gioire.

7
E se non sapete come far di ogni donna una regina,
a loro piacciono le margherite del giardino,
i cioccolatini ripieni e i walzer ballati a piedi nudi in cucina.
Sono solo donne e madri del duemila,
con milioni di desideri
ed un presente pirandelliano da uno, nessuno e centomila.”
(Domenico Leccese)


 
 
 
 
 
 
 
 
BUON GIORNO CHIEDIAMO SCUSA PERCHÉ, COME VEDETE STIAMO FACENDO UNA NUOVA VESTE PER IL NOSTRO SITO
Preghiera al Beato Carlo Acutis
 
O Padre,
che ci hai donato la testimonianza ardente,
del giovane Servo di Dio Carlo Acutis,
che dell’Eucaristia fece il centro della sua vita
e la forza del suo quotidiano impegno
perché anche gli altri Ti amassero sopra ogni cosa.
Conferma la mia Fede,
alimenta la mia Speranza,
rinvigorisci la mia Carità,
a immagine del giovane Carlo,
che, crescendo in queste virtù,
ora vive presso di Te.
Confido in Te, Padre,
e nel Tuo amatissimo Figlio Gesù,
in Maria Vergine, nostra dolcissima Madre,
e nell’intercessione del Beato Carlo Acutis.
Amen
                               
pagina

Copyright © 2008-2020 Parrocchia S.Andrea Apostolo- Tutti i diritti riservati-.

Data Ora:

Data Ultimo Aggiornamento del Sito: 13/02/2022
contatori internet
contatori internet
contatori internet
Torna ai contenuti